avanzi di fettuccia e lana cotta

 Capita di avere avanzi di fettuccia, dopo aver realizzato una borsa, che non sono sufficienti per un'altra, realizzata interamente con questo filato, allora si utilizzano in combinazione con pezzi di stoffa, o con altri filati. Dopo il bauletto realizzato la scorsa primavera ecco come ho pensato di utilizzare gli avanzi.
Avevo anche avanzi di lana, la lana era stata usata per un cappello in lana cotta, ma non avendo calcolato attentamente il restringimento, le misure sono risultate sballate, non è stato possibile utilizzarlo nella veste originaria; a questo punto ho preso forbici e uncinetto e cominciato a comporre una nuova borsa.
 



Il lavoro è stato fatto utilizzando il punto tunisi con due fili, a due colori, lavorato circolarmente; questo punto si fa con l'uncinetto a doppia punta.
 
Non so perché...;) ogni volta che guardo questa borsa mi viene voglia di gelato alla panna con fragole. Se fa anche a voi questo effetto andate a leggere la mia ricetta.
 

Ad oggi, che io sappia, non si trova l'uncinetto a due punte della misura adatta a lavorare con la fettuccia (n°10,12,15 ecc.), ecco allora cosa ho pensato...


 L'uncinetto n° 15 della Milvard è cavo all'interno e sul fondo ha un tappo, comodo da utilizzare come porta uncinetti, ma io ho sfruttato questa cosa per realizzare un uncinetto tunisino fai da te.
 
In ferramenta ho preso un pezzo di tubo di quelli piccoli trasparenti da 12 mm  di diametro (solitamente si usa per travasare liquidi), l'ho inserito sul fondo dell'uncinetto, ho così potuto lavorare il punto tunisi.


Prima ho lavorato la fettuccia e ho fatto scorrere i punti sul tubo, poi ho spostato l'uncinetto sull'estremità opposta del tubo e ho lavorato con il filo di lana.
 
 

Etichette: , , , , , ,