la fettuccia Zpagetti



La fettuccia Zpagetti è una fettuccia di maglina elasticizzata; la composizione è 92% cotone 8% elastam, è confezionata in coni di 120 m; ogni stagione si aggiungono nuovi colori e altri non vengono più prodotti, anche la composizione della maglina, per alcuni colori, può essere diversa dal cotone elasticizzato.

La larghezza della fettuccia di solito è di 3 cm ma arricciandosi diventa quasi un tubolare, lavorandola con uncinetto n°12 i punti realizzati a maglia bassa sono di 1,5 cm, questa misura può variare secondo il modo di lavorare di ciascuno.

Si può utilizzare per realizzare svariati tipi di oggetti o accessori...tappeti, cestini, sciarpe e cappelli, ma spessissimo viene utilizzata per realizzare borse.

I colori sono molti e variano spesso, si trova in tinta unita, colori melange o fantasia. Nell'
eshop potete vedere i colori disponibili subito, ma è possibile ordinarli se non trovate quello che fa al caso vostro.

E' una maglina molto compatta e consistente, quindi piuttosto pesante; con un cono si realizza un pannello di circa 40x50 cm e il peso indicativamente è di 1kg. Visto il peso io consiglio, soprattutto quando si realizzano borse, di utilizzarla abbinata a basi, laterali o inserti di altro materiale, così da alleggerirle sia come peso reale che come impatto visivo.

Le possibilità di utilizzo di materiali da abbinare sono molte, già in commercio si trovano basi e laterali forati appositamente per unirli ai pannelli realizzati in fettuccia. Sono basi rotonde o rettangolari di diverse misure, si trovano anche fascie per realizzare tracolle, manici, ecc.; ultimamente si sono aggiunti veri e propri semilavorati composti da manici e fascie alte o basi a secchiello a cui si deve solo aggiungere un semplice pannello di fettuccia.

Questi elementi sono molto utili e pratici, ma se desiderate realizzare qualcosa di più personalizzato o unico realizzare gli elementi da sé non è difficile, non mi soffermo ad elencare i materiali utilizzabili perché davvero le possibilità sono tante, bisogna usare solo un po' di buon senso e considerare la resistenza, la possibilità o meno di lavare la borsa o l'oggetto che realizziamo. Quando realizziamo i fori negli inserti fai da te valutiamo la grandezza per far passare il filo di congiunzione; la distanza (interasse) tra un foro e l'altro corrisponde alla larghezza del punto realizzato (come dicevamo sopra 1,5 cm); ma se utilizziamo tessuto gli elementi possono anche essere cuciti fra loro senza i fori che di solito vediamo negli elementi in pelle, similpelle, plastica ecc.

Un altro particolare da non trascurare, sempre parlando di borse, è la fodera interna; foderare porta via del tempo ma il risultato sicuramente merita, io quando vedo una borsa in fettuccia foderata penso alla cura che è stata posta nella realizzazione.

Per ora mi fermo qui, col tempo altre informazioni potrete trovarle nelle pubblicazioni dei miei lavori, ricordate però di non adagiarvi nelle spiegazioni e negli schemi fatti da altri, sperimentate idee personali e originali, sarà una grande soddisfazione.

Etichette: , ,