costruzione geometrica dell'uovo

Ieri ho avuto una delle mie ispirazioni per un lavoretto dedicato alla pasqua. L'elemento simbolo che ho considerato è l'uovo ... abbastanza banale vero?
Non importa, l'idea che ho avuto mi piace e voglio portarla avanti; anche se alla fine il risultato dovesse essere deludente è un modo per esercitarsi manualmente e, per di più, questa ispirazione mi ha portato a fare delle ricerche, e queste ricerche mi hanno dato la possibilità di imparare una cosa nuova.

La prima cosa di cui avevo bisogno era disegnare un uovo, non volevo disegnarlo casualmente ma fare un preciso uovo geometrico, così mi sono chiesta se la costruzione geometrica dell'uovo fosse possibile. Ho riguardato il mio libro di disegno geometrico del liceo e ho trovato la costruzione geometrica dell'ovolo, non era quello che cercavo, allora ho intrapreso la ricerca in rete e sono giunta a trovare la definizione geometrica, su un knol di google (http://knol.google.com/k/modello-d-uovo), da cui poi ho realizzato il mio disegno.
Da questo disegno nel piano, per portare avanti la mia idea, dovrò derivare una costruzione geometrica per realizzare l'uovo nello spazio tridimensionale, ma il disegno bidimensionale può essere utile per molti lavoretti.



Disegnare un cerchio, il diametro del cerchio determinerà l'altezza dell'uovo.
Tracciare una linea verticale che passa per il centro (questa linea nei miei disegni non la vedete perché ho utilizzato una 'guida' del programma dimenticando di evidenziarla alla fine), dal punto (superiore) in cui la linea incontra la circonferenza si fanno partire tante linee rette (celesti nel disegno) che incontreranno la circonferenza in vari punti (più saranno le rette, più il disegno sarà preciso).
Dai punti in cui le rette celesti incrociano la circonferenza si fanno partire altre linee orizzontali (arancio nel disegno) che incontreranno la retta centrale
Facendo centro nel punto di origine delle rette celesti disegnare degli archi di circonferenze (in verde nel disegno), queste partono dall'incrocio fra le linee arancio e la retta verticale e dovranno incrociare le rette celesti di riferimento (quelle da cui sono state generate le rette arancio da cui partono gli archi).
Segnare con un puntino rosso gli incroci fra le rette celesti e gli archi di circonferenza ad esse relativi (come spiegato nella precedente parentesi).

Ultimo passaggio unire i puntini con una linea curva a mano o aiutandosi con un curvilinee.

Etichette: , , , , , , ,